Tornare a sentire quel profumo, quel sapore, che ci riporta indietro nel tempo e che ci fa sentire a casa ovunque noi siamo.

domenica 10 febbraio 2013

Le rosette di nonna Peppa....






Questo dolcino per me è veramente importante....ricordo la mia nonnina che le preparava ed io bimba che aspettavo impaziente...
Un dolce molto povero, per quanto riguarda i suoi ingredienti, ma secondo me  bellissimo nel suo aspetto e veramente buono!!!!
Probabilmente il mio è un parere condizionato, perché non si tratta solo di un semplice dolce ma  rappresenta un ricordo che mi riempie il cuore...di solito queste ricette restano segrete, gelosamente custodite , naturalmente non trascritte ma ricordate a memoria....io queste rosette le voglio condividere con voi, perché secondo me in questo modo si fanno rivivere gesti e persone che ormai non ci sono più.....

Già nell'elencare gli ingredienti noterete l'unità di misura tipica delle nonne...

Le rosette di nonna Peppa

Ingredienti:

  • Per ogni uovo:
  • 2 cucchiaini di zucchero,
  • 2 cucchiaini  di burro fuso,non bollente
  • 2 cucchiaini di cedrato tritato,( per capirci il Brioschi quello effervescente per aiutare la digestione)
  • un po' di buccia di limone grattugiata,
  • 1 cucchiaio di mistrà Varnelli,(oppure un liquore che preferite)
  • farina q.b. per ottenere un impasto tipo quello della pasta all'uovo( circa 100 gr.)
Procedimento:

mescolare gli ingredienti e far riposare l'impasto coperto da una ciotolina.

Poi stenderlo in una sfoglia sottile e con 2 stampini circolari di diametro leggermente diverso ad esempio di 9 cm. e 8cm. tagliare 2 cerchi per ogni rosa.( la nonna usava 2 bicchieri).

.


Con il dito bagnato appena bagnato  nell'acqua umidifico il centro del cerchio più grande e vi faccio aderire il più piccolo.
Se volete potete fare 4 -5 taglietti sui dischetti....





Intanto in un pentolino alto e stretto faccio riscaldare l'olio... ci vuole un pentolino con un diametro di circa 10 cm....



Prendo un mestolo di legno e ci metto sopra a mo' di cappello i 2 cerchi e quando  è caldo...








tuffo la rosetta nell'olio spingendola giù con il mestolo...le lascio cuocere, quando vengono a galla sono pronte, scolo su carta assorbente.






Sapete mia nonna dove le cuoceva???
 In un barattolo di pelati, l'unico motivo per cui ne acquistava uno.

Avete proprio capito bene...vanno cotte una alla volta!!

Eccole qua..







conditele come più vi piace:  cioccolato ,caramello, sapa...confettura o  come queste con zucchero a velo e miele.


Provatele, vi sorprenderanno per la loro leggerezza e bontà...




e queste rosette nonna le dedico a te....







Con queste dolci rosette partecipo al "contest di presentazione" di Silvia.


35 commenti:

  1. queste rosette sono straordinarie molto ben presentate e sicuramente buonissime, ma la cosa che mi ha colpito di più è il rapporto nonna nipote un dolce che si tramanda e che non resterà mai lo stesso perchè il sapore della nonna è unico e insostituibile. Grazie Dona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonietta per le tue belle parole, bisogna restare in qualche modo uniti alle persone care...e questo mi sembra un ottima maniera!

      Elimina
  2. ..... e le nonne! che emozione rifare ciò che ci faceva stare bene da piccole!....
    brava... entro settimana prossima te le copio.. un bacio e grazieeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi dire che troverai anche il tempo per fare queste???
      Grazie cara!

      Elimina
  3. Belle e piene di tanto affetto, bravissima Donatella a continuare con le tradizioni di famiglia !!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sandra, spero mi perdonerà...dal momento che ho diffuso la sua ricetta....ne era così gelosa!!!

      Elimina
  4. Belle veramente,il cedrato citrato nell'impasto non l'avevo mai visto, ci proverò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maurizio, in effetti probabilmente era il lievito chimico più alla sua portata....

      Elimina
  5. belle le rosette!! che forte tua la nonna!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvana, grazie...si la mia nonnina era una forza...infatti se ne è andata alla veneranda età di 98 anni,in questo modo la sento ancora più vicina!!

      Elimina
  6. che belle che sono queste rosette!! non le conoscevo però sono molto scenografiche :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica, si fanno davvero un effettone e sono anche buone!

      Elimina
  7. io non le ho mai mangiate queste rosette.. dovrò rimediare presto perchè sembrano squisite.. e poi hanno una forma stupenda!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina,dai provale!!!
      Poi mi fai sapere che te ne pare!

      Elimina
  8. ciao sono meravigliose e poi il ricordo della nonna basta per rendere amabile questa ricetta ....il ricordo delle nonne ci fa tornare indietro negli anni quando tutto anche un dolcetto era già una festa.....sei molto tenera nell'aver regalato a tutti noi il ricordo della tua cara nonna!Un abbraccio Lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le tue parole Lia, sai uno dei motivi per il quale ho deciso di aprire questo blog è anche questo: far rivivere certe situazioni, certi momenti nella speranza che abbiano un futuro.

      Elimina
  9. Grazie per aver condiviso con noi questa ricetta. Ti capisco benissimo, anche io ho un ricordo dolcissimo della mia nonna.
    Bellissime le tue rose, complimenti

    RispondiElimina
  10. Le proverò anche se il carnevale sarà finito!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'occasione giusta si trova sempre!!!

      Elimina
  11. Ricetta stupenda! Un modo meraviglioso per conservare il ricordo della tua nonna
    Un abbraccio, Loretta

    RispondiElimina
  12. Che bontà! e li provo si, anche se il carnevale è già passato:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene Maria Luisa l'occasione o scusa la si trova sempre!!
      Ciao e grazie.

      Elimina
  13. Davvero belle da vedere e particolarmente adatte al periodo, ma sai che ho trovato una preparazione simile in un libro di dolci tradizionali sardi, non è che la tua nonna era di quelle parti??
    A presto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, no mia nonna era marchigiana e lo erano anche i suoi avi.....però ti posso dire che essendo la moglie di un vergaro..un pastore spesso erano in contatto con altri pastori di origine sarda...chissà???
      Grazie!

      Elimina
  14. meravigliosamente invitanti complimenti di vero cuore ...un abbraccio !!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  15. Ciao Donatella!
    Questa è proprio una ricetta speciale!
    Grazie della partecipazione!

    RispondiElimina
  16. ma sono fanstastiche queste rosette! ci credo che le aspettavi impaziente!! e chissà quanto son buone! complimenti... e sicuramente una ricetta perfetta per vincere il contest! in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  17. Grazie per essere passata!!!

    RispondiElimina
  18. ohhh ora mi metto fra i tuoi followers oggi non potevo dal cell...ciao

    RispondiElimina
  19. Ciao guardavo un po' e ho trovato queste rose,ma che sono belline hai proprio ragione sono semplici come piacciono a me

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...