Tornare a sentire quel profumo, quel sapore, che ci riporta indietro nel tempo e che ci fa sentire a casa ovunque noi siamo.

giovedì 12 settembre 2013

Pane ai sapori antichi cotto nel coccio




Un po' di tempo fa, in un negozio sfizioso di frutta e verdura, ho trovato alcune confezioni di farina del Mulino Marino, presa dall'euforia ho acquistato  tutti i tipi che avevano, peccato fossero solo due o forse per fortuna...
Insomma, per questo pane ho usato la farina  bio "Sapori Antichi" ,già il nome è tutto un programma, si tratta di un mix di farine: farro, enkir, kamut e segale.
Non sapevo decidermi su quale ricetta fare per permettere a questa/e farina/e di dare il meglio di sé...poi complice un  bellissimo "coccio" regalo della mia cara amica Elisabetta, il lievito madre bello pimpante e un po' di semini da consumare, ed ecco che vi presento:

Pane ai "Sapori Antichi" cotto nel coccio

Una piccola premessa per quanto riguarda il "coccio":
quello che vedete in foto, come vi ho già detto è stato un bellissimo regalo, realizzato a mano da un abile artigiano qui nelle Marche, questo contenitore in passato veniva usato per cuocere la famosa "Pizza di formaggio".
Non so se potete trovare un articolo del genere, però vi metto il link di una ricetta di Annamaria, che ha usato per fare il suo pane dei normali vasi di terracotta, qui potete trovare tutte le indicazioni necessarie per poterli usare.

Ingredienti:
dose per 2 pani da mettere nel "coccio" che ha queste  dimensioni : 11 cm di altezza e 15 cm di diametro.
  • 500 gr. di farina "Sapori Antichi"
  • 150 gr. di latte
  • 150 gr. di acqua
  • 175 gr. di lievito madre rinfrescato
  • 12 gr si sale
  • 10 gr. di semi di sesamo
  • 10 gr. di semi di lino
  • 10 gr. di semi di zucca
  •  40 gr. di olio
  • 1 tuorlo per spennellare con un po' di latte
  • semi per la superficie
Procedimento:
Setacciate la farina e unite i semini.
Sciogliere il lievito madre nel latte, sciogliere bene, si deve formare una "pappetta".
Iniziamo aggiungendo un pò di farina e l'acqua...prima di finire la farina mettiamo il sale e ad impasto quasi formato uniamo l'olio a filo.
Si può fare sia a mano che con un'impastatrice, otterrete un impasto molto sodo e sostenuto.
Una volta formato l'impasto, lo avvolgete a palla e mettetelo in una ciotola leggermente unta coperto da pellicola.



 Lasciate lievitare sino al raddoppio.


A questo punto dovete dividere la massa in due parti, formate 2 palle cercando di sgonfiare l'impasto il meno possibile, trasferitele nei cocci leggermente oleati,




coprite con pellicola appena unta, in questo modo non vi si attaccherà alla superficie del pane e lasciate lievitare sino al raddoppio.








Spennelliamo la superficie con del tuorlo d'uovo mescolato ad un po' di latte e spolveriamo con i semini.











Cottura:
Forno preriscaldato ventilato  a 200° per 30-40 min. se vedete che il pane inizia a colorirsi troppo coprite la superficie con l'alluminio.
Una ricetta molto semplice, che si prepara in poco tempo ma che richiede la dolce e lunga attesa, tipica  della lievitazione naturale....




Con questa preparazione partecipo alla raccolta  di Panissimo una bellissima iniziativa ideata da Sandra e Barbara.




21 commenti:

  1. Bella ricetta Donnie! Dalla confezione della farina è possibile capire che % di farine compongono il mix?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...allora io ho in etichetta solo in ordine decrescente:farro,enkir, kamut e segale.

      Elimina
  2. Qué pan más rico con esas semillas, nos encantan estas rebanadas para desayunar,

    un abrazo

    RispondiElimina
  3. Ciao Donatella, bellissimo il tuo blog, ti aggiungo subito tra i miei preferiti così potrò continuare a seguirti....
    Spero che riuscirai a reperire qualche info sull'artigiano delle pentole. Grazie. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michela appena sò qualcosa ti faccio sapere!!

      Elimina
  4. Il tuo pane e' splendido complimenti , devo procura i anch'io un coccio !!!!!!!
    Un caro saluto :-)))

    RispondiElimina
  5. Buono il tuo pane.brava ciao

    RispondiElimina
  6. Chissà che profumo questo pane. Brava Donatella, come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry gentilissima come sempre.

      Elimina
  7. che bello questo pane immagino la cottura nel coccio dia un sapore particolare, brava e grazie per la ricetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola e, si il coccio ha il suo fascino!!!

      Elimina
  8. Dona,ma il coccio e'una pentola in terracotta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si puoi usare una pentola di terracotta!!

      Elimina
    2. Grazie un bacio

      Elimina
  9. Donatella! sono in ritardo, scusami, un sacco di corsa sempre.
    STRE-PI-TO-SO, come sempre del resto, strepitoso!
    grazie tesora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhh ma dai mica scade l'ho già finito!!!

      Elimina
  10. BIMBO rinfrescato! Stasera je tocca!!! ^___________________^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...