Tornare a sentire quel profumo, quel sapore, che ci riporta indietro nel tempo e che ci fa sentire a casa ovunque noi siamo.

domenica 6 aprile 2014

La torta pasqualina...quanti modi di fare e rifare




Torta pasqualina finger food-ingrediente perduto




Di nuovo l'appuntamento virtuale con le cuochine per l'iniziativa Quanti modi di fare e rifare, questo mese siamo ospiti di Un'arbanella di basilico che ci presenta un classico intramontabile della sua bellissima Liguria :la torta pasqualina.



 E per l'occasione ho voluto provare la farina Manitoba della linea qb Qualità Bio  del Molino Grassi

La Manitoba del molino Grassi: miscela di farina tipo 0 di grano tenero Manitoba biologico, proveniente dalla regione delle Grandi Praterie Canadesi, a cui la presenza di farina di farro spelta biologico, nato nella zona del Mar Caspio 7.000 anni fa, e della farina di segale biologica regalano un gusto particolare.
Già dall'etichetta vediamo che siamo di fronte ad una signora farina, ricca di gusto, un mix di frumento, farro e segale che conferisce all'impasto una nota rustica che ben si sposa con il ripieno di ricotta ed erbette, e per accentuare il tutto ho anche aggiunto del farro lessato.

Ingredienti per 4 persone

Per la pasta matta:
  • 250 g di farina Manitoba della linea qb Qualità Bio
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 100 ml d acqua 
  • 6 g di sale fino 
Preparazione:

Intanto mettete a bollire dell'acqua in una pentola...poi vi spiegherò a cosa servirà.

Facciamo una fontana con la farina e al centro mettiamo l'olio , sale e metà dell'acqua, iniziamo ad impastare e aggiungiamo il resto dell'acqua.
Naturalmente il quantitativo dell'acqua dipenderà molto dal tipo di farina che utilizzerete.
Impastate sino ad ottenere un massa liscia ed omogenea  e avvolgete a palla; ed ora il trucchetto svelato da Carla Emilia, ligure doc, l'impasto va fatto riposare sotto una pentola calda in cui avrete fatto bollire dell'acqua, questa tecnica vi permetterà di stendere molto sottilmente la pasta che diventerà bella croccante.

Per il ripieno, che potete fare anche il giorno prima, vi potete sbizzarrire :bietoline, spinaci...tutto ciò che avete, io in questo caso ho usato:

Ingredienti per il ripieno
  • 200 g di ricotta
  • 300 g di verdure miste lessate e strizzate per me borragine, spinaci, erbe di campo
  • 100 g di farro lessato
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • 1 uovo intero
  • burro
  • sale e pepe
In una padella con un po di burro facciamo insaporire le erbe lessate e ben strizzate, aggiustiamo di sale e pepe e lasciamo da parte.
In una ciotola mescoliamo la ricotta, il farro lessato, l'uovo e il parmigiano, regoliamo di sale e pepe e uniamo le verdure preparate.
Ora non resta che stendere la pasta....e qui ho voluto provare un modo un po diverso di presentare la classica torta pasqualina.
Praticamente ho steso la pasta molto sottilmente, poi ritagliato dei quadrati di circa 10 cm di lato, messo al centro un cucchiaio di impasto e poi chiuso a formare un "petalo".



Disponete i petali su di una teglia rivestita con carta forno.


Cottura 190° per circa 40 minuti.




Con questa ricetta partecipo al contest di  Mulino Grassi





E questa ricetta partecipa anche al contest "In un sol boccone" ideato da Peroni e Monique e Paola






54 commenti:

  1. questa poi!!!! fantastica idea¨! Io ho fatto le monoporzioni e tu addirittura un "finger food"! complimentissimi e tanti auguri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma avevo pensato alla monoporzione.....brava anche tu!!!

      Elimina
  2. Eccoci Donatella cara, siamo Anna, Ornella e la Cuochina
    e ti ringraziamo di cuore per la bellissima versione mini della torta Pasqualina!
    La nostra tavola festosa si tinge di primaverili colori
    e di allettanti meravigliosi sapori!
    Buona Pasqua a tutti con cuore sincero
    che porti pace e amore al mondo intero!
    A maggio da Dany ti aspettiamo
    la mini quiche lorainne insieme prepariamo!
    Un abbraccio
    La Cuochina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si non vedo l'ora !!!!
      Grazie e buona Pasqua!

      Elimina
  3. ma che carine...sembrano delle barchette...un abbraccio carissima Donatella

    RispondiElimina
  4. Che idea sfiziosa! Cosi la torta è già porzionata... e anche scenografica! Ottima!

    RispondiElimina
  5. Che bella forma ottima idea adattissima come antipasto !!!!
    Un abbraccio :-)))

    RispondiElimina
  6. Che bells!!e poi sono mini porzioni Brava buona.ciaoooo

    RispondiElimina
  7. carinissima l'idea di presentarla così :) ottimo con il farro!

    RispondiElimina
  8. Chissà che buone!!! mi piace la nota di rusticità data dalla farina che hai scelto ;) grazie mille per la ricetta e buon inizio settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che questa farina mi ha conquistato, ho mangiato anche l'impasto crudooooo!!!
      grazie a te

      Elimina
  9. Versione interessante, buona Pasqua e alla prossima!

    RispondiElimina
  10. Donatella chapeau! mi piace assai questa versione a petalo, già pronta senza tagliare.
    Sempre un passo avanti eh ;-)
    Buona domenica col sorriso :-D

    RispondiElimina
  11. Idea davvero grandiosa!!!!! Sei un vulcano Dona!!!!!!! Smackk!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. buonissima poi la pasta matta si presta a mille interpretazione ed io la adoro, complimenti e per pasqua so già cosa farò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cara, si questa pasta è eccezionale dalle mille applicazioni.

      Elimina
  13. Ma che carine queste barchette pasqualine! Buonissima idea per presentarle ad un buffet!
    Buoma Pasqua!

    RispondiElimina
  14. Curiosissima versione, fra la particolarità della farina e la varietà di erbe, per non parlare dell'idea della monoporzione, ottima variante!!
    A presto!!!

    RispondiElimina
  15. Complimenti Donatella, hai creato una versione personalissima e fantastica. Sei stata proprio brava, grazie per essere stata anche tu nella mia cucina, ti abbraccio a presto

    RispondiElimina
  16. Idea carinissima! Grazie per aver partecipato, ricetta inserita (ho oltrepassato il limite di commenti ma li leggo!)

    RispondiElimina
  17. barchette per una rustico genovese...niente di più azzeccato! complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero...ma lo sai che non ci avevo fatto caso!!!

      Elimina
  18. Belle le barchette e soprattutto il ripieno con il farro.

    RispondiElimina
  19. Bellissima idea, sembrano davvero barchette!
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  20. Belline belline...e sai che buone con tutte quelle erbette!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Silvia troppo gustose!!!!
      Grazie!

      Elimina
  21. Che dire Donatella, come ho commentato su fb, tu sei i top

    RispondiElimina
  22. topino, sono svenuta, questo lo devi sapere.... sono svenuta proprio!!!!
    meravigliosa idea Donatella!
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhhh corro con i "sali"?
      Grazie cara!!!

      Elimina
  23. ciao Donatella,
    ci è piaciuto tutto, il post, il ripieno..per non parlare del farro e
    poi...i petali pasqualini "finger food" stupendi!
    COMPLIMENTI
    Un bacio e cari auguri dalle 4 apine

    RispondiElimina
  24. lastufaeconomica9 aprile 2014 23:22

    Molto interessante la tua versione, originale, brava

    RispondiElimina
  25. Carinissimi questi petali pasqualini! Complimenti!
    Buona pasqua!

    RispondiElimina
  26. questa versione è fantastica! complimenti!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...